giovedì 25 gennaio 2018




La C.E.I, la preghiera
e l'inutile cambiamento.

(L'estasi della Maddalena,opera di Michelangelo Merisi (Caravaggio)

Il consiglio della C.E.I.convochera a novembre l'assemblea straordinaria per discutere ed approvare la terza stesura di una parte del Messale Romano.Alla fine dell'anno sarà sostituita un' invocazione del "Padrenostro":
Non abbandonarci alla tentazione al posto del vecchio adagio,non ci indurre.

Sono certo che, se una persona, credente e devota,prega  con convinzione, non sarà una frase che cambia la sostanza della supplica,qualsiasi parola vale come vale un profondo e silenzioso pensiero.

martedì 16 gennaio 2018

Al peggio..............

(Fontana: "Con troppi migranti la razza bianca è a rischio")

 


 
 
 

La congrega dei politici imbecilli si è arricchita ,a buon
diritto, di un nuovo membro,il leghista Attilio Fontana,candidato governatore alle regionali in Lombardia,razzista e sofferente di una grave diarrea verbale. .




giovedì 11 gennaio 2018


Quanta tristezza
Povera Italia, a quando un nuovo Rinascimento




La maggioranza degli italiani,non legge nemmeno un libro all'anno e c'è chi si distingue per non aver mai letto un libro,in tutta la sua vita.

L'italico mangia troppo e male e soffre di peso superfluo se non proprio di obesità e rimanda,senza mai iniziarla, al solito,prossimo, lunedì,l'inizio di una drastica dieta.

Pochi frequentano i teatri e vanno al cinema ,solamente se c'è qualche film di Checco Zalone o per gli inguardabili cinepanettoni.

Teledipendenti compulsivi,amano la Tv ,spesso accesa dal mattino alla sera,per gustare,si fa per dire,  programmi di gossip,presentati dalla ognipresente Barbara D'Urso,"Grandi fratelli" e gli stupidissimi giochini del preserale.

Politicamente i più gettonati e votati,sono dei personaggi impresentabili,bugiardi e incapaci:
Un ultraottantente ridicolo con una nuova dentiera,un ex disoccupato senza arte ne parte,un giovane fanfarone e  un razzista antieuropeo in felpa.


Forse un giorno nella nostra meravigliosa Italia,ritornerà un nuovo Rinascimento? Io lo spero... trà tanti dubbi.

martedì 2 gennaio 2018


L'anno che verrà. 

Un altro anno è passato e l'unica certezza è che abbiamo tutti,un anno di più,questo naturalmente, non è sempre un male,se ci ha portato saggezza ed esperienza.
Con serenità tutti dobbiamo essere sempre pronti per affrontare quello che la sorte ha in serbo per noi.Ho scritto la sorte, ma io non credo al fato,credo che lo scorrere della vita,nel bene e nel male,malattie a parte,è sempre il frutto del nostro ragionamento/comportamento,delle nostre scelte giornaliere e soprattutto nel comprendere e scegliere, quale porta aprire e quale no,per poi continuare nella vita senza rimorsi o rimpianti,guardando,sempre,con gioia all' incerto e meraviglioso futuro.
Ciao,fulvio
L'anno che verrà,(Lucio Dalla)

sabato 30 dicembre 2017



Senza sci.



Qui il tempo è incerto,ma la neve è abbondante e bellissima.Il non poter sciare, mi tortura,  pazienza,sarà per l'anno prossimo. Intanto passo le mattinate salendo a qualche rifugio o passeggiando sui sentieri innevati e i pomeriggi in compagnia della mia  musica ,con letture,centro benessere, saune e tisane.Forse non dovrei lamentarmi,ma....................
Oggi arriva la mia compagna ,questa sera cena a due in un bellissimo rifugio montano, il tempo di un brindisi augurale a mezzanotte e poi  la nanna.

Auguri a tutti per un felice 2018

mercoledì 27 dicembre 2017



31/12/ 2017-1/1 2018.
Un cambio di data sul calendario.


Per molti sono giornate di ferventi preparativi per il cenone di fine d' anno,con musica,balli,trombette e cappellini.
Per me niente veglione e all'indomani,nessun proponimento di grandi  cambiamenti,niente inizio diete,fortunatamente, non esagerando non ne ho bisogno e niente propositi o fioretti,poi quasi sempre non mantenuti.
Come ogni anno passerò questo periodo sui monti,parto domani in mattinata,quest'anno fortunatamente c'è la neve,quella vera,speriamo duri.Unico rammarico,sono in attesa di un intervento chirurgico e mi è stato sconsigliato lo sci,pazienza.
La solita cena,nella solita baita, con la mia compagna sarà il mio modo di salutare un anno che se ne va.

Auguro a tutti un felice anno nuovo.




domenica 24 dicembre 2017

 
 
E' quasi Natale.
Chi aspetta la nascita di Gesù
Chi aspetta tanti regali,
Chi si aspetta la cena luculliana
Chi non aspetta niente.
Io non aspetto,
quello che ho e già tanto,sono felice, innamorato e sodisfatto e sarà una bellissima e magica notte di Natale.
 
AUGURI A TUTTI.